Letteratura al Museo

Narratori calabresi e narrazioni calabresi: scrittori a confronto

Esiste una strada per raccontare il Sud e la Calabria o ci sono tante strade, una per ogni scrittore che si cimenta nell’impresa? In che modo il racconto di quelle realtà influenza le realtà che racconta? Come si può raccontare il proprio mondo riuscendo a coinvolgere chi di quel mondo non fa parte? Quanto di quel che si racconta passa attraverso la lingua che si sceglie? E quanto è quella lingua, invece, a scegliere i suoi autori e le storie da raccontare? Le radici rappresentano un’ancora alla quale aggrapparsi o un impedimento per chi vuole muoversi? Queste domande rappresentano un modo, tra i tanti possibili, per affrontare un tema grande ma necessario come quello della narrazione contemporanea: perché la realtà è fatta anche delle parole che si usano per descriverla, anzi spesso sono i mattoncini delle parole a costruire la realtà e per questo motivo la scelta di quei mattoncini di senso diventa un gesto di responsabilità e il più elevato atto politico prima ancora che l’espressione della propria unicità.

Letture a cura dei ragazzi del laboratorio teatrale del Liceo Classico Tommaso Campanella di Reggio Calabria

 

Giuseppe Aloe
Gioacchino Criaco
Domenico Dara
Eliana Iorfida

Narratori calabresi e narrazioni calabresi: scrittori a confronto.
Conversano con Lionella Maria Morano